Sara Cucè è una fotografa laureata in fotografia alla London Metropolitan University (2017) e dal Master in studi curatoriali alla LSBU e Whitechapel Gallery (2022), a Londra. Tramite la fotografia analogica, Sara esplora temi come l’identità, la rappresentazione, la percezione, la memoria, il concetto di casa e di appartenenza, narrate sotto forma di diario visuale. Cucè è la vincitrice del Life Framer Award 2022, selezionata come Fresh Eyes Talent 2022, e finalista del LensCulture HOME ’21 International Photo Prize 2021, the Magnum Photography Awards, the Royal Photographic Society IPE 160 and the Photography on a Postcard 2017. Le sue opere sono state esposte in svariate mostre in Regno Unito, Francia, Italia, Germania e Paesi Bassi.

Memory of the eyes, 2016 – ongoing.

Memory of the eyes è un diario visuale iniziato nel 2016 ed incentrato sulla rappresentazione di tematiche come la casa ed il senso di appartenenza, il concetto di migrazione ed identità, includendo riflessioni relative a spazio, tempo e memoria.
Questo progetto mira a rappresentare la condizione esistenziale dell’individuo che migra in un nuovo territorio, chiedendosi a chi o a cosa appartenga, e trae ispirazione dalla mia esperienza personale di migrazione dalla Sicilia al Regno Unito, più di dieci anni fa.

VAI al PORTFOLIO COMPLETO